Progetto Internazionale Papa Alessandro IV

Su la sepoltura di Alessandro IV

Fra i tanti documenti esaminati che danno informazione della avvenuta sepoltura del Pontefice Alessandro IV nella Cattedrale di San Lorenzo si riportano qui i testi piu antichi.

 

In una della prime bolle di Papa Urbano IV (1261-1264 anni di pontificato) eletto Papa tre mesi dopo la morte di Alessandro IV è scritto

»Viterbii moritur et in ecclesia s. Laurentii honorifice sepelitur. « ║ Nicol. Triveti Annal. ed. Hog 249. - »Sepultus est Viterbii in ecclesio cathedrali. « ║ Brev. Hist. ord. Praedic. Ap. Martene Ampl. Collect. VI. 363. (Potthast, Regesta Pontificam Romanorum, Tomo II  pg. 1472)

Questo testo di bolla è riportato anche nel registro delle bolle papali del Dorez-Guairaud, Les registres d’Urban IV doc.I.

 

Negli “Annalium Angliae excerpta (Monumenta Germanicae Historiae XIV, pag 683)”, si legge che i resti mortali di Enrico di Cornovaglia, ucciso il 13 marzo 1271, furono deposti nella Cattedrale “inter duos papas”. Questi due papi, erano Alessandro IV e Clemente IV, la salma di quest’ultimo fu conservata nella Cattedrale sino al 1276. (Signorelli G. 1936).

 

In una bolla di Alessandro IV, conservata presso il Archivio Diocesano di Viterbo, sul “verso”, probabilmente ad opera di un notaio, oltre alla descrizione del contenuto della bolla stessa è riportato:

Anno Domini m°cc°liiij
Alexander  papa iiij sedit (?) annos vii. Et | obiit Viterbii et fuit sepultus in ecclesia | sancti Laurentii iuxta altare [neutro!] sanctorum Preurgerii | …se..orum ….. Et decrevit (?) indulgentiam | sub … iiii idus augusti [la festa di S. Lorenzo è il 10 agosto] anno | tertio (?) sui pontificatus videlicet in festo beati | Laurentii et per totam octavam, et in | die de consecrationibus ipsius unum | annum et quadraginta dies

Lo studio paleografico realizzato, confrontando le altre annotazioni registrate nelle bolle e nelle 800 pergamene conservate presso l’Archivio Diocesano, ci fa ritenere che la nota di cui sopra sia stata redatta non più di 60 anni dopo la morte di Alessandro IV.

 

Platina (1421-1481) scrive nel libro “Platina delle vite de’pontifici, nelle quali si descrivono le vite di tutti loro...”

“...andò subito a Viterbo che per fare, che i Venetiani,e i Genovesi facessero lapace, della qualle cosa lungamente molestato, finalmente morì in quel luogo per lo dolore dell’animo, et honoratamente fu sepolto nella chiesa di San Lorenzo l’anno 7. del suo Ponteficato...”
 

© 2010 Tutti i diritti riservati.

Crea un sito internet gratisWebnode